Yes Man

YesManPoster.jpgJim Carrey è un bravissimo attore, capace di passare da un ruolo buffo ad uno drammatico con una grande credibilità. Yes man non mi aveva convinto dal trailer ma è risulato un film molto piacevole. La trama è molto semplice: Carl è un uomo che dice di no ad ogni cosa, la causa la rottura tre anni prima con la sua ex moglie, ed ora si ritrova solo e depresso a dire di no a tutto, compresi i suoi migliori amici che cercano invano di farlo uscire. Poi incontra un suo vecchio amico che lo convince ad andare ad un seminario (tipico americano) di una specie di psicologo/oratore che propone la teoria del Si alla vita. Carl ne esce non troppo convinto ma dopo aver conosciuto Allison, proprio grazie ad un si, decide di attuare questo metodo della sua vita, e da allora farà di tutto, da partecipare a feste in maschera a comprare una moglie pachistana, da fare sesso con un’anziana a salvare un potenziale suicida cantando. Dire si a tutto diventerà una specie di malattia per lui, sino a quando non perde Allison allora capisce che ora che finalmente si è aperto alla vita, è che ha scoperto quanto le può dare che può ricominciarla a viverla davvero, affrontandola con un pizzico di ottimismo e pazzia in più, naturalmente con il lieto fine.
In sala con questo film vi aspettano due ore di vero spasso, molte gag sono innovative e spassosissime, una tra tutte quando lui si presenta alle sei si mattina ad una appuntamento con allison (per un corso di fotografia in movimento) dopo una notte brava strafatto di redbull. Degna di nota è anche il personaggio di Allison, giovane artista a tutto tondo, fotografa, pittrice e cantante di una strana rock band che propone canzoni al limite dell’assurdo.
Un film ideale per divertirsi con gli amici, rilassarsi e ridere di gusto.

Yes Manultima modifica: 2009-01-22T10:08:00+01:00da kiki.81
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento